Sessione Parallela A - Le età del lavoro e le politiche di genere
14:30 - 15:45 - 26/06/2018

Vittorio Cianchi, Responsabile Ufficio Dinamiche Salariali ABI

Moderatore

Le aziende si trovano oggi a dover gestire un "ecosistema" complesso a causa dell'allungarsi dei tempi pensionistici e dell'ingresso nel mondo del lavoro di una nuova generazione, per cui è possibile individuare al loro interno ben cinque gruppi. Un mix di età che porta con sé valori, esperienze e aspirazioni differenti. C'è però il rischio di un gap generazionale che la rivoluzione digitale non fa altro che accrescere. Eppure dal modo in cui si compongono le differenze tra le varie generazioni dipende il futuro delle imprese: perché gestire la diversità generazionale e di genere è uno strumento di crescita, un valore aggiunto che si rivelerà particolarmente strategico in particolare durante il passaggio generazionale. È necessario un approccio che non segmenti la questione dei divari – di genere, e di generazione non solo – ma provi a tenerli insieme. Recenti
studi sociologici evidenziano come le attuali giovani generazioni siano portatrici di una visione del lavoro e della vita, di aspettative, motivazioni, aspirazioni potenzialmente in grado di far evolvere la cultura del sistema produttivo in cui si inseriscono, se questo si rivela disponibile al cambiamento.